Pasta Senatore Cappelli, 5 motivi per cui non potrai più farne a meno!

Pasta Senatore Cappelli, 5 motivi per cui non potrai più farne a meno!

Dalla crisi generale del nefasto 2020 il settore della pasta è uscito indenne, confermando, in particolare, la richiesta sempre crescente di pasta Senatore Cappelli.

Come spiegare l’incredibile successo di questo prodotto unico?

La pandemia in corso ha sicuramente modificato la nostra routine, costringendoci ad una vita più sedentaria e ad affrontare un carico maggiore di stress quotidiano; tra smart working e didattica a distanza il tempo per noi stessi è diminuito e, complici le restrizioni e la chiusura delle palestre, è sempre più difficile trovare un modo per tenersi in forma.

Eppure, il pasto degli italiani conserva la sua importanza: è un momento di condivisione con i propri cari o semplicemente una pausa rilassante e consolatoria.

Tuttavia, l’attenzione per la salute e la forma fisica, spinge il consumatore a cercare un prodotto che possa conciliare gusto e salute: scopriamo insieme perché la pasta Senatore Cappelli riesce a realizzare questo difficile equilibrio!

 

1.È scientificamente più digeribile e meglio tollerata da chi soffre di gluten sensitivity

La pasta Senatore Cappelli è nota per essere più digeribile rispetto alle paste prodotte con grano commerciale, perché contiene un glutine meno tenace. Questo non la rende certo adatta a chi soffre di celiachia, ma ne fa un alimento maggiormente tollerato da chi è sensibile al glutine ed è solitamente costretto a rinunciare alla pasta per evitare fastidiosi disturbi.

Uno studio del Policlinico Gemelli di Roma, pubblicato ad ottobre 2020, ha infatti confermato una diminuzione dei disturbi gastrointestinali ed extra-intestinali in un gruppo di persone sensibili al glutine che consumavano regolarmente pasta Senatore Cappelli, rispetto a coloro che assumevano pasta prodotta con grano commerciale.

Secondo alcuni medici questo potrebbe dipendere dalla differente qualità del glutine contenuto nel Senatore Cappelli; il grano commerciale, infatti, contiene un glutine più tenace e resistente, che risponde meglio alle lavorazioni industriali e ciò potrebbe essere correlato al recente aumento dell’intolleranza al frumento.

 

2.È ricca di benefici e proprietà nutrizionali

Sotto il profilo nutrizionale il grano Senatore Cappelli mostra un minor apporto di zuccheri rispetto al grano commerciale, a fronte di un maggior quantitativo di proteine, lipidi, vitamine (specie del gruppo B) e sali minerali, tra cui zinco e selenio. Contiene, inoltre, più flavonoidi e antiossidanti, dalle proprietà antinfiammatorie e in grado di contrastare l’aumento del colesterolo.

Recentemente rivalutata anche dai dietologi più rigorosi, la pasta Senatore Cappelli può essere quindi usata anche durante le diete, facendoci sentire sazi senza sensi di colpa. L’importante, in questo caso, è non eccedere nella quantità e nel condimento e preferire la varietà integrale, ricca di fibre.

 

3.Ha un gusto inconfondibile

Mangiare un piatto di pasta Senatore Cappelli è sicuramente un’esperienza differente, che accarezza e coinvolge tutti i tuoi sensi.

Il viaggio comincia dal colore dorato e lucente, che ti riporta negli assolati e ventosi campi pugliesi, ove le spighe alte e robuste crescono nel rispetto dell’ambiente; continua con l’aroma delicato e inconfondibile del grano genuino, passa quindi alla consistenza ruvida (che tiene magnificamente in cottura), frutto della cura artigianale nella produzione; termina, infine, in un sapore caratteristico e prolungato, che avvolge il tuo palato sin dal primo boccone e non svanisce immediatamente, per un piacere duraturo.

Tutti questi ingredienti ti garantiscono un piatto indimenticabile, che non ha bisogno di essere coperto, bensì valorizzato dal suo condimento e che riesce ad essere eccezionale anche solo con un filo di Olio Evo Biologico.

 

4.È un prodotto sostenibile, coltivato nel rispetto dell’ambiente

Il grano Senatore Cappelli si adatta magnificamente all’agricoltura biologica: le sue spighe molto alte (fino a 1.80 mt.), infatti, impediscono la proliferazione di erbe infestanti, eliminando la necessità dei diserbanti e si adattano anche a terreni scarsamente fertili. Questo la rende naturalmente priva di glifosato, un erbicida attualmente classificato come probabile cancerogeno e presente in piccole quantità in molti grani commerciali.

L’apparato radicolare di questa specie è molto voluminoso ed esteso, capace di esplorare ampie porzioni di terreno e richiede un quantitativo ridotto di acqua, riducendo sensibilmente l’impatto sull’ambiente.

La coltivazione, inoltre, risulta meno onerosa, sia in termini economici che di lavoro speso.

Alcune start-up bio, come Amorum, inoltre, si impegnano a confezionare pasta plastic free, con un packaging 100% biodegradabile (a base di cellulosa), ponendo un’attenzione ancora maggiore alla salvaguardia dell’ambiente.

 

5.È fatta con un grano nobile e “antico”

Il Senatore Cappelli fu creato ai primi del Novecento dall’agronomo Nazzareno Strampelli incrociando antiche varietà autoctone e mediterranee.
Questa varietà di grano deve il nome all’allora deputato del Regno, Raffaele Cappelli, che concesse a Strampelli l’uso dei suoi campi di grano in Puglia per gli incroci da cui nacque tale cultivar.
Dopo un lungo periodo di oblio, durante il quale gli furono preferite varietà di grano che rispondevano meglio alla produzione intensiva e ai mezzi chimici con cui incrementarla, il Senatore Cappelli è stato recentemente riscoperto ed è tornato in auge per le sue numerose qualità; esente dalle mutazioni a cui furono sottoposte altre cultivar, questo grano è rimasto puro e incontaminato nelle sue proprietà.
Attualmente è coltivato soprattutto nel sud Italia ed è poi trasformato in prodotti di altissima qualità dai pastifici locali, che prestano cura artigianale nella sua lavorazione.

Dopo tutto questo parlare di questo grano così nutriente e gustoso avete l’acquolina in bocca? Allora lasciatevi sfuggire l’opportunità di provare un piatto di pasta Senatore Cappelli, sono certa che non tornerete più indietro!

 

Credit: le foto sono state scaricate gratuitamente da https://www.pexels.com/it-it/

Condividi questo post

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *